Sabato 23 Ottobre 2021 - 19:03
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Cronaca Scomparsa di De Donno. Boom Brescia: "Continueremo la sua opera"

Scomparsa di De Donno. Boom Brescia: "Continueremo la sua opera"

Lascia un commento | Tempo di lettura 206 secondi Mantova - 29 Jul 2021 - 08:12

La notizia della scomparsa del dottor Giuseppe De Donno è giunta nella sede dell’associazione “Boom Brescia” tanto repentina quanto dolorosa. Una “ferita” inferta all’improvviso, che ha lasciato tutti senza parole. Uno stato d’animo difficile da descrivere, ma che si può facilmente comprendere attraverso quello che la presidente Marcella Deantoni ha comunque cercato di dire: “È terribile – ripete con la voce rotta dall’emozione – Quello che è successo colpisce in modo diretto la nostra associazione che nell’ultimo anno e mezzo ha stretto una profonda collaborazione con il dottor De Donno. Un rapporto che ci ha permesso di conoscere non solo il medico capace e innovatore, ma anche di apprezzare l’uomo, con i suoi valori e i suoi ideali. Ben presto si è instaurato un legame che è andato al di là di quello che potremmo definire l’aspetto professionale ed ha coinvolto in un modo molto bello anche la sfera personale. Per tutto quello che ci ha dato e trasmesso non possiamo che dire grazie al dottor De Donno”. Un significativo “tratto di strada” percorso insieme che ha preso spunto dalla terapia al plasma iperimmune che lo stesso De Donno ha sperimentato con risultati estremamente positivi nei mesi più duri dell’esplosione della pandemia e che in seguito lui stesso, affiancato dall’associazione bresciana, ha cercato di far conoscere e diffondere: “Per farsi convincere dalla terapia che lui ha studiato – ricorda la presidente dell’associazione “Boom” – bastava solo scambiare due parole, guardare i suoi occhi mentre raccontava il rapporto con i pazienti e i progressi condivisi. Da questo è nata l’idea di organizzare serate ed incontri per far conoscere la sua metodologia. Iniziative che avevano sempre un momento di particolare rilievo nella testimonianza dei pazienti guariti grazie alla sua terapia. Proprio i pazienti erano il suo grande punto di riferimento. Non gli interessava avere il merito della scoperta, ma gli stava a cuore la vita della persone e la possibilità di riuscire a salvarla anche contro un nemico subdolo come il Covid. Proprio in questo senso raccontava i passi della terapia al plasma iperimmune con grande semplicità e con la sincera gioia di chi si accorge di portare avanti, passo dopo passo, il suo cammino”. Tante serate e iniziative condivise hanno fatto nascere pure una sincera amicizia: “Con il passare del tempo e l’infittirsi della nostra collaborazione – conviene la presidente dell’associazione di via Marone a Brescia – la stima per il medico e l’ammirazione per quello che stava facendo sono state affiancate da una bella amicizia. Ci sentivamo spesso e, insieme a diversi nostri associati, trascorrevamo parecchie ore in piacevoli chiacchierate. Certo, rimaneva fondamentale la voglia comune di far conoscere il grande risultato che lui era riuscito a raggiungere, ma, al di là di questo intento, c’era il sincero desiderio di ritrovarci”. Emozioni e propositi che non verranno meno con la scomparsa del dottor De Donno: “Sento di parlare a nome di tutta la nostra associazione – conclude Marcella Deantoni – quanto dico che quanto è successo non fermerà il nostro impegno. Al contrario, continueremo noi la sua opera e cercheremo di far conoscere sempre di più sia la terapia che lui ha studiato (e i benefici che sono stati riscontrati sui pazienti trattati) che l’uomo che ha donato a tutti noi questo. Il suo impegno a difesa della vita delle persone, la sua ferma intenzione di dare tutto se stesso per i pazienti rappresentano un vero e proprio tesoro che non vogliamo possa andare disperso. Ci stringiamo con grande affetto intorno ai suoi famigliari e ai suoi cari e cogliamo l’occasione per ribadire che quanto ha saputo fare e donare il dottor Giuseppe De Donno non andrà disperso”.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Il Presidente del Seregno invita Ghirelli a lasciare: "Gestione opaca, Serie C merita di più"
15 Oct 2021 - 08:46
Una gestione opaca quella portata avanti da Ghirelli secondo il Presidente Erba che invita il N.1 della Lega Pro ad un incontro/co...

Il Mantova perde in casa con la Juventus U23. La partita finisce 0 a 1
04 Oct 2021 - 09:26
Il Mantova perde in casa con la Juventus U23. La partita finisce 0 a 1. Domenica prossima la trasferta in casa del Seregno. ...

Trento - Mantova. Virgiliani prima sotto poi chiudono 2 a 2. Lauro fa il bilancio della partita
30 Sep 2021 - 06:07
I biancorossi di Maurizio Lauro dopo essere andati sotto recuperano la partita e al Briamasco finisce 2-2 ...

#74MotocrossOfNations: gioia immensa l’Italia è Campione del mondo, arrivederci a novembre
27 Sep 2021 - 08:15
Il motocross eguaglia il calcio, gli atleti olimpici e paralimpici, la pallavolo femminile, il basket, l’Enduro e il ciclism...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy