Giovedì 25 Aprile 2019 - 10:02
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Cultura e arte Antiche delizie. I "luadel" di Pomponesco

Antiche delizie. I "luadel" di Pomponesco

Lascia un commento | Tempo di lettura 144 secondi Mantova - 18 Jan 2019 - 11:17

Il “luadel” è una specialità di Pomponesco etimologicamente derivante da “sollevare”, ovvero lievitare.  Se il "luadel" – la cui etimologia deriva dal verbo “sollevare” – si alzava, allora voleva dire che il forno era pronto. 
Proprio perché ogni famiglia aveva il proprio forno, e di conseguenza il proprio "luadel", ad oggi non c'è una ricetta univoca.  A riportarlo in auge è stato un panettiere di Pomponesco, il quale grazie all'aiuto di un amico, bussando casa per casa è riuscito a tracciare i vari passaggi della lavorazione e a creare la propria, il più verosimile possibile a quelle delle sfogline di una volta.

Se è vero che non c'è una ricetta unica del "luadel" è altrettanto vero che ciò che di sicuro accomuna questi lievitati è di essere delle sfoglie salate molto golose, che si sposano alla perfezione con i salumi della zona. Si tratta di una focaccina – in loco dicono pane focaccioso – da degustare calda, accompagnata appunto da salumi locali. 
L’origine risale ai forni delle cascine, dove si usava testarne il giusto calore inserendo una pagnotta lavorata, intrisa di strutto, principalmente per evitare la bruciatura del pane tradizionale. Una specie di termometro alimentare, dunque. 
Ma come spesso capita – pensiamo al panettone che nacque in seguito ad un errore del cuoco degli Sforza – l’esperimento si tradusse in un successo, seppur estremamente circoscritto al paese, come un segreto culinario ben custodito.  Oggi, grazie alle abilità del fornaio è possibile gustare il "Luadel", che aveva corso il rischio dell’oblio.

L’impasto della pagnottina, sempre diverso in base alla pazienza della massaia di piegare e ripiegare la sfoglia innumerevoli volte, nasconde un lavoro lungo ed impegnativo.  Circa quarantacinque ore di esperta manualità da panettieri d’altri tempi.

Agli abitanti di Pomponesco e dei paesi limitrofi si illuminano gli occhi quando si pronuncia la parola “luadel”.
Al di fuori della zona, infatti, questo prodotto da forno è per lo più sconosciuto. Gli ingredienti sono farina, strutto, sale e pasta madre. La ricetta risale ai tempi della vita in cascina, quando questo impasto veniva fatto per verificare se il forno aveva raggiunto la temperatura giusta per cuocere il pane.

http://www.terredilombardia.info/pomponesco-silvan-luadel/

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy