Martedì 02 Giugno 2020 - 07:06
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Economia Insieme per la Terra lancia la campagna: "Io sono Italiano e scelgo italiano"

Insieme per la Terra lancia la campagna: "Io sono Italiano e scelgo italiano"

Lascia un commento | Tempo di lettura 178 secondi Mantova - 24 Mar 2020 - 11:17

Insieme per la Terra lancia la campagna: "Io sono Italiano e scelgo italiano"

All'industria alimentare italiana ed alla Grande Distribuzione Organizzata il coronavirus ha sicuramente regalato l'occasione per fare maggiori utili e ridimensionare drasticamente le pretese economiche, seppur minime, delle aziende agricole italiane.

Facciamo il punto della situazione. Da anni l'Industria e la GDO, in costante e programmata condivisione di obiettivi ben precisi, hanno utilizzato l'importazione di grandi quantità di prodotti agricoli stranieri, come per esempio latte e derivati, per ricattare il settore primario e spingere i prezzi al ribasso, possibilmente sotto i costi di produzione. Poco importa se l'agricoltore è il custode del territorio, poco importa se l'allevatore si alza a mungere 365 giorni l'anno, poco importa della costante ricerca qualitativa effettuata ogni giorno nelle nostre aziende agricole; l'importante è che pochi soggetti economici, senza scrupoli e nell'indifferenza generale, guadagnino a discapito degli agricoltori italiani.

In modo subdolo e spietato in questi giorni l'Industria alimentare italiana consiglia agli agricoltori di non macellare i capi bovini presenti in azienda, anche se a fine carriera, perché i magazzini sarebbero saturi di merce invenduta a causa della chiusura dei ristoranti, oppure consigliano di diminuire la produzione di latte causa chiusura dei bar e della ristorazione. Il tutto rafforzato dallo spettro dell'allungamento dei tempi di pagamento, fregandosene delle disposizioni di legge, e della drastica riduzione del prezzo, anche del 30%. Mentre in televisione il consumatore scrive sui balconi "andrà tutto bene" e i politici annunciano "vi saremo vicini", proseguendo il nulla post terremoto del "non vi lasceremo mai soli", l'agricoltore viene di fatto messo davanti a un bivio: chiudere o non chiudere.

Ne l'industria, ne la grande distribuzione organizzata hanno intenzione, in questi momenti di grave crisi economica, di rivedere i contratti di fornitura di prodotti agricoli stranieri; entrambi questi attori sanno benissimo che è più facile e più remunerativo bastonare i produttori italiani, confidando anche nell'accondiscendenza delle sindacali agricole, di fatto inesistenti.

Il consumatore è oggi molto più consapevole e responsabile di ieri. Ora sa che leggere attentamente un'etichetta e verificare che l'alimento acquistato sia italiano vuol dire parlare di salute, di sicurezza alimentare, di territorio, di tradizione, di qualità, di occupazione locale. L'industriale pensa di ingannare e prendere in giro il consumatore con una pubblicità studiata ad arte, con sconti promozionali o magari con tanti buoni spot pubblicitari; ora davanti a questa crisi sanitaria, ma oserei dire anche economica e sociale, l'attenzione e la vigilanza del comune cittadino si è alzata enormemente.

Acquistare italiano è oggi, più che in passato, un gesto responsabile, serio, che parla di amore verso la nostra Italia.

Io sono italiano e scelgo italiano. Il resto è spazzatura!

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy