Giovedì 01 Ottobre 2020 - 09:35
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Salute Controlli da remoto con la Telemedicina

Controlli da remoto con la Telemedicina

Lascia un commento | Tempo di lettura 245 secondi Mantova - 16 Sep 2020 - 09:34

 

Pacemaker, defibrillatori e loop-recorder controllati da remoto, grazie all’innovazione tecnologica. La struttura di Cardiologia di Mantova, diretta da Corrado Lettieri, fa continui passi avanti nell’ambito della telemedicina. Approccio sempre più prezioso, soprattutto durante questa fase di emergenza Covid.

Il numero dei devices impiantati nei pazienti cardiopatici è significativamente aumentato nell’ultima decade, sulla base delle indicazioni emerse dai grandi trial clinici. Il follow-up dei pazienti è diventato quindi parte integrante della gestione clinico-terapeutica. Da alcuni anni all’ospedale di Mantova questi controlli permettono di seguire lo stato di salute del paziente e l’attività di pacemakers e defibrillatori a distanza. Un’attività che di recente è stata formalizzata e sviluppata attraverso un progetto ad hoc.

 

Al paziente viene fornita l’apparecchiatura elettronica necessaria alla trasmissione dei dati gratuitamente dal proprio domicilio. Tale apparecchiatura è in grado di collegarsi autonomamente, senza l’intervento del malato, al dispositivo biomedico inviando i dati a un server accessibile tramite un sito web col quale lo staff clinico può interagire, nel rispetto assoluto delle normative sulla privacy.

 

Se durante i controlli, che vengono eseguiti quotidianamente dal personale, si riscontrano anomalie del dispositivo o eventi clinici rilevanti, il paziente viene contattato per accertare delle sue condizioni di salute e gli vengono forniti consigli terapeutici. Ciò consente la riduzione del numero di accessi in ambulatorio e l’ottimizzazione dell’impiego del personale in un sistema sanitario già caratterizzato da risorse limitate.

 

Diversi studi clinici hanno messo in evidenza che nell’80 per cento dei casi i controlli tradizionali in ospedale non inducono alcuna azione da parte del medico (riprogrammazione del dispositivo o modifica della terapia farmacologica). Il ricorso al monitoraggio remoto permette così allo staff clinico di limitare le visite ambulatoriali non necessarie e di destinare le risorse disponibili alla cura dei pazienti più compromessi. È stato inoltre dimostrato che il telemonitoraggio assicura una maggiore aderenza del paziente al programma di follow-up rispetto al sistema tradizionale.

 

Esistono poi benefici clinici diretti, quali la prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale, la prevenzione delle ospedalizzazioni per scompenso cardiaco, l’effetto favorevole sulla sopravvivenza con un’ulteriore notevole riduzione dei costi. Si ottiene poi l’abbattimento dei costi sociali in quanto i pazienti sono per lo più anziani. Vengono quindi accompagnati da un familiare, il quale deve assentarsi dal lavoro. Circa un terzo dei pazienti portatori di device è per altro ancora in attività lavorativa.

 

Nell’ambulatorio dedicato della struttura di Elettrofisiologia del Carlo Poma, diretta da Patrizia Pepi, sono attualmente monitorati con controllo remoto oltre 500 pazienti portatori di pacemaker, defibrillatori o loop-recorder. La recente pandemia ha reso necessario un ricorso sempre più massiccio al controllo remoto al fine di ridurre gli accessi dei paziente alla struttura ospedaliera, evitando così i rischi di contagio.

 

L’ambulatorio, presieduto dai medici elettrofisiologi, è coadiuvato dall’indispensabile lavoro del personale infermieristico e tecnico specializzato che si occupano dell’educazione, dell’addestramento del paziente al momento dell’arruolamento, dell’inserimento dei dati nel sito web specifico e dell’identificazione delle criticità con successivo coinvolgimento del medico responsabile per la risoluzione dei problemi rilevati. In un’ottica di rete aziendale, l’attività di telemedicina sta prendendo piede anche nel presidio di Pieve di Coriano, nella struttura di Cardiologia diretta da Albino Reggiani.

 

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Indice di sportività: Mantova al 55 esimo posto. Sul podio, Bologna Bergamo e Trento
30 Sep 2020 - 09:25
Quindi quanto è sportiva Mantova? Secondo l'Indice di Sportività curato da PtsClas e pubblicata dal Sole 24...

Da Fermo con 3 punti: inizia con una vittoria la stagione del Mantova
28 Sep 2020 - 11:06
Il Mantova di mister Emanuele Troise ha bagnato il debutto in Serie C archiviando i primi, fondament...

Open Day Rugby Mantova: la palla ovale in città in due imperdibili appuntamenti aperti a tutti
22 Sep 2020 - 08:07
Il Rugby Mantova apre le porte della propria attività in due imperdibili Open Day nel cuore della città patrocinati ...

Rugby mantova. Intervista pre-stagionale con coach Massimiliano Cavazzoni
09 Sep 2020 - 09:25
Nonostante una stagione che si preannuncia piuttosto difficile, Cavazzoni è contento della qualità del gruppo ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy