Sabato 23 Ottobre 2021 - 19:26
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Tempo libero Venezia protagonista de “La Grande Arte al Cinema”

Venezia protagonista de “La Grande Arte al Cinema”

Lascia un commento | Tempo di lettura 256 secondi Mantova - 08 Oct 2021 - 08:39

1600 anni dopo la sua leggendaria fondazione, Venezia diventa protagonista di un docu-film che, prendendo avvio dall’immenso patrimonio veneziano per raccontare i palazzi che ospitano capolavori e oggetti storici e le connessioni artistiche e culturali, va a comporre un ritratto unico della città. Si intitola VENEZIA – INFINITA AVANGUARDIA e verrà proiettato alla multisala Ariston lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 ottobre (tutti i giorni alle 21.20, lunedì anche alle 16.30) per il ciclo “La Grande Arte al Cinema”. Nella serata di martedì verrà introdotto prima della proiezione dal Presidente di Amici dei Musei Italo Scaietta.

Nel film è Carlo Cecchi, maestro del teatro italiano, a consegnarci la memoria della città. Oltre a lui vediamo muoversi per i luoghi di Venezia una giovane, talentuosa pianista polacca, Hania Rani, tra i fenomeni della scena modern classic internazionale: cerca ispirazione e suggestioni per comporre la colonna sonora del film, in un gioco di rimandi e riflessi tra musei, calli e meraviglie veneziane. A tenere il filo tra questi due diversi sguardi e, soprattutto, tra due diverse generazioni c’è la voce narrante di Lella Costa, una voce femminile per sottolineare che, da sempre, Venezia è donna. 

VENEZIA - INFINITA AVANGUARDIA è così un labirinto di storie, opere d’arte, palazzi, personaggi della vita sociale e culturale, luoghi, stravaganze, tradizioni. Accanto a connessioni e suggestioni, scorrono le testimonianze di storici dell’arte, urbanisti, sociologi, filosofi, curatori, musicisti, scrittori, giornalisti, artisti, nostri contemporanei. Perché Venezia non si è mai fossilizzata nella conservazione di una sola identità storica, ma ha sempre lasciato che il genio e la creatività dei viaggiatori di passaggio e dei suoi stessi abitanti, con estro e trasgressione, continuassero a reinventarla. Sarà la grande sfida del futuro, per risolvere le emergenze e i problemi, per una città che vuole essere all’avanguardia nella cultura, nella creatività ma anche nella sostenibilità del domani.

Protagonisti diventano il Canal Grande, il Museo Correr, le vedute di Canaletto, le opere di Francesco Guardi, Pietro Longhi, Giambattista e Giandomenico Tiepolo, Vittore Carpaccio, e naturalmente quelle di Bellini alle Gallerie dell’Accademia, di Tiziano, Tintoretto, Veronese. E ancora Ca’ Rezzonico | Museo del Settecento Veneziano, il Grand Tour, le sculture di Canova, gli scatti d’epoca di Carlo Naja che conquistarono l’Europa, gli antichi mestieri ritratti nelle fotografie di Enrico Fantuzzi, Palazzo Pesaro degli Orfei, Emilio Vedova e la sua lotta per salvare i Magazzini del Sale, Carmelo Bene che legge il Manifesto futurista “Contro Venezia passatista”, le trasgressioni del Carnevale, le antiche fornaci ora laboratori di sperimentazione di Adriano Berengo, l’arrivo in città del Circo Togni coi suoi elefanti sui ponti storici, le pièces di Goldoni, le straordinarie ville Liberty, l’eleganza e la moda del Lido, le feste veneziane a casa del compositore americano Cole Porter e della moglie Linda, l’età del jazz, le serate mondane della giornalista americana Elsa Maxwell, le opere misteriose di Banksy, i taccuini fitti di appunti di John Ruskin, la vibrazione cromatica e meditativa dell’acqua raccontata da Turner, le tombe di Sergej Djagilev e Igor Stravinskij, il fascino della Giudecca, il Caffè Florian e la nascita dell’idea della Biennale, la Mostra Cinematografica e il primo nudo nella storia del cinema, l’insonnia veneziana di Wagner, le pittrici Giulia Lama e Rosalba Carriera, Lucrezia Cornaro Piscopia, prima donna laureata della storia, la determinazione delle cortigiane, i vetri di Murano e i capolavori di Giuseppe Lorenzo Briati, le fughe di Casanova, il MOSE e l’emergenza ambientale, l’amore per la città di Hugo Pratt, le spoliazioni napoleoniche, il soggiorno dell’Imperatrice Sissi, gli intarsi di Andrea Brustolon che Balzac soprannominò il “Michelangelo del legno”, i tessuti e gli abiti di Mariano Fortuny e della moglie Henriette, la Marchesa Casati Stampa, la favolosa, eccentrica, imprevedibile Peggy Guggenheim, la suggestione del Teatro La Fenice, uno dei templi della musica più belli del mondo.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Il Presidente del Seregno invita Ghirelli a lasciare: "Gestione opaca, Serie C merita di più"
15 Oct 2021 - 08:46
Una gestione opaca quella portata avanti da Ghirelli secondo il Presidente Erba che invita il N.1 della Lega Pro ad un incontro/co...

Il Mantova perde in casa con la Juventus U23. La partita finisce 0 a 1
04 Oct 2021 - 09:26
Il Mantova perde in casa con la Juventus U23. La partita finisce 0 a 1. Domenica prossima la trasferta in casa del Seregno. ...

Trento - Mantova. Virgiliani prima sotto poi chiudono 2 a 2. Lauro fa il bilancio della partita
30 Sep 2021 - 06:07
I biancorossi di Maurizio Lauro dopo essere andati sotto recuperano la partita e al Briamasco finisce 2-2 ...

#74MotocrossOfNations: gioia immensa l’Italia è Campione del mondo, arrivederci a novembre
27 Sep 2021 - 08:15
Il motocross eguaglia il calcio, gli atleti olimpici e paralimpici, la pallavolo femminile, il basket, l’Enduro e il ciclism...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy