Lunedì 08 Marzo 2021 - 04:25
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Cronaca Arpa, report qualità aria. Pm10, a Mantova 66 giorni di superamento nonostante il lockdown

Arpa, report qualità aria. Pm10, a Mantova 66 giorni di superamento nonostante il lockdown

Lascia un commento | Tempo di lettura 465 secondi Mantova - 13 Jan 2021 - 09:21

Continua il trend complessivo di miglioramento, su base pluriennale, della qualità dell'aria in regione Lombardia. È quanto emerge dal primo bilancio dei dati del 2020 presentati questa mattina, a Milano, insieme all’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo.

 

IL QUADRO COMPLESSIVO - I livelli di NO2 (biossido di Azoto) risultano tra i più bassi di sempre, con superamenti della media annua limitati a poche stazioni. I valori di PM10, che rispettano ovunque la media annuale, superano anche nel 2020 in modo diffuso i limiti sul numero massimo di giorni oltre la soglia di 50 µg/m3. I superamenti del PM2.5 sono circoscritti a un numero molto limitato di stazioni del programma di valutazione, mentre benzene, monossido di carbonio e biossido di zolfo sono ampiamente sotto i limiti.  Rispetto agli anni precedenti, l'ozono ha fatto registrare un numero inferiore di sforamenti delle soglie di informazione e di allarme, pur in un quadro di diffuso superamento degli obiettivi previsti dalla normativa per la protezione della salute e della vegetazione.

 

METEO E LOCKDOWN – A causa della pandemia COVID-19, il 2020 è stato caratterizzato da lunghi periodi di lock-down i cui effetti, connessi in particolare alla riduzione delle emissioni da traffico veicolare e, in misura minore, da attività industriali, sono però risultati diversi a seconda dell'inquinante considerato: molto più marcati su NO (monossido di azoto), benzene e NO2, meno evidenti sul PM10. L'andamento delle polveri sottili, nel bacino padano, è infatti influenzato in modo significativo dalla presenza della componente secondaria e, in parte, dall'aumento della combustione della legna negli apparecchi domestici. Inoltre, la scarsità di precipitazioni, registrata in particolare il primo biennio e il mese di novembre 2020, ha creato una situazione meteoclimatica sfavorevole alla dispersione degli inquinanti, in modo diffuso sul territorio regionale.

 

MONOSSIDO DI CARBONIO, BENZENE E ZOLFO

Come avviene da anni, per questi inquinanti non sono stati registrati superamenti degli standard di legge, con valori che si sono attestati ben al di sotto dei limiti.

 

PM10 - Confermato il trend in diminuzione valutato su base pluriennale, al di là di fluttuazioni tra un anno e l'altro. Per il quinto anno dopo il 2014, il 2016, il 2018 e 2019, in tutte le stazioni è stato rispettato il valore limite sulla media annua di 40 µg/m3.

I GIORNI DI SUPERAMENTO - Anche per il numero di giorni di superamento del valore limite giornaliero di PM10 (50 µg/m3) è stato registrato un trend complessivamente in diminuzione se valutato sull'arco temporale del decennio, nonostante in un numero significativo di centraline sia stato superato il numero dei 35 giorni. Anche a causa dell'andamento sfavorevole delle condizioni meteorologiche, con scarse precipitazioni, infatti il numero di giorni di superamento è risultato spesso superiore a quello registrato nel 2018 e 2019, anni contraddistinti da concentrazioni tra le più basse mai registrate.

LA SITUAZIONE PROVINCIALE - In dettaglio, per quanto riguarda i capoluoghi provinciali (dati della stazione peggiore del programma di valutazione in ciascuna città), si sono verificati 90 giorni di superamento della media giornaliera di 50 µg/m3 di PM10 a Milano, 78 a Cremona, 66 a Mantova e a Monza, 64 a Pavia, 62 a Brescia, 59 a Lodi, 46 a Bergamo e a Como, 25 a Varese, 24 a Lecco e 7 a Sondrio. Sono 3 pertanto i capoluoghi provinciali in cui è stato rispettato il limite previsto dalla normativa italiana ed europea di non più di 35 giorni oltre soglia.

 

PM2.5 - Analogamente al PM10, anche per il PM2.5 il dato 2020 conferma un trend in progressiva diminuzione nel corso degli anni, con dati in generale poco più elevati che nel 2019 ma, nella maggior parte delle stazioni, intorno o inferiori a quelli del 2018.

LA SITUAZIONE PROVINCIALE - Nel 2020 il valore limite annuale pari a 25 µg/m3 è stato infatti rispettato in tutte le stazioni di monitoraggio del programma di valutazione regionale, con la sola eccezione di Cremona Fatebenefratelli, Soresina e Spinadesco dove la media annua è risultata pari rispettivamente a 26 µg/m3, 27 µg/m3 e 28 µg/m3. Nei capoluoghi di provincia le concentrazioni si sono attestate sui seguenti valori (dato peggiore della città): Cremona 26 µg/m3, Milano 25 µg/m3, Lodi 24 µg/m3, Brescia e Pavia 23 µg/m3, Bergamo, Como e Monza 22 µg/m3, Mantova 20 µg/m3, Varese 19 µg/m3, Sondrio 16 µg/m3 e Lecco 14 µg/m3.

 

BIOSSIDO DI AZOTO (NO2) - L'NO2 ha fatto registrare un'ulteriore diminuzione rispetto all'andamento osservato negli anni precedenti, complessivamente già in miglioramento su base pluriennale, con concentrazioni medie annue nel 2020 inferiori a quelle del 2019; sebbene siano ancora presenti alcuni superamenti del valore limite sulla media annua (pari a 40 µg/m3), in particolare in stazioni da traffico degli agglomerati urbani.

LA SITUAZIONE PROVINCIALE - Con riferimento alle stazioni peggiori dei capoluoghi di provincia la situazione delle medie annue dell'NO2 del 2020 è la seguente: Milano 48 µg/m3, Monza 44 µg/m3, Brescia 41 µg/m3, Lecco 33 µg/m3, Bergamo, Como e Pavia 31 µg/m3, Lodi 29 µg/m3, Cremona e Mantova 27 µg/m3, Varese 26 µg/m3, Sondrio 20 µg/m3.

Anche per l'NO2 si conferma del resto, al di là delle fluttuazioni tra un anno e l'altro, il trend in diminuzione su un periodo più lungo: a Milano viale Marche la media annua di NO2 si attestava a 76 µg/m3 nel 2007 e a 86 µg/m3 nel 2000.

 

OZONO (O3) - A differenza degli altri inquinanti considerati, l'ozono non mostra un andamento evidente negli anni. Complessivamente, nel 2020 la situazione è stata migliore rispetto al 2019 in riferimento al numero di superamenti delle soglie di informazione e di allarme, ma si sono registrati – come anche negli anni precedenti - diffusi superamenti sia del valore obiettivo per la protezione della salute, sia di quello per la protezione della vegetazione. In particolare, il valore obiettivo per la protezione della salute (di non più di 25 giorni con la massima media mobile su 8 ore superiore a 120 µg/m3) risulta superato in tutte le province lombarde.

LA SITUAZIONE PROVINCIALE - Nel 2020 si sono registrati, nella stazione peggiore, 116 giorni di superamento dell'obiettivo per la protezione della salute nella provincia di Lecco, 92 in provincia di Como, 86 in provincia di Lodi, 85 in provincia di Milano e Varese, 84 in provincia di Bergamo, 82 in provincia di Brescia 74 in provincia di Monza e Brianza, 73 in provincia di Mantova, 67 in provincia di Cremona, 55 in provincia di Pavia e 30 in provincia di Sondrio a fronte di un valore obiettivo di non più di 25 giorni oltre la soglia (da valutarsi come media su tre anni).

 

LA RETE DI MONITORAGGIO - "Tutti questi dati – ha sottolineato il presidente di Arpa Lombardia, Stefano Cecchin – sono il risultato dell'analisi delle 85 stazioni del programma regionale di valutazione attive nel 2020, per il monitoraggio della qualità dell'aria. A queste da quest'anno si aggiungono le due stazioni installate a Brescia: Brescia Tartaglia che misura PM10, NOx e Benzene e Brescia San Polo che misura PM2.5 e NOx. Il 2021, quindi, si apre con una rete ancora più potenziata che conta su ben 87 stazioni fisse. Inoltre, nella stazione di Erba (CO), abbiamo installato un analizzatore in più che misura anche il PM2.5".

 

LE CAMPAGNE TEMPORANEE - "I dati forniti dalle stazioni fisse – ha concluso Cecchin - vengono integrati con quelli rilevati tramite campagne di misura temporanee effettuate dagli 8 laboratori mobili in dotazione per approfondire le situazioni e le specificità locali, anche in seguito alla segnalazione delle Amministrazioni comunali. Nel 2020, per esempio, abbiamo realizzato 22 campagne di approfondimento, in altrettanti comuni, di 9 province della Regione Lombardia: Lecco, Bergamo, Cremona, Pavia, Varese, Milano, Monza e Brianza, Mantova e Brescia; per un totale approssimativo di oltre 32.000 ore di misurazione equivalenti a 1.350 giorni e 120.000 dati rilevati".

Tutte le slide presentate in conferenza sono disponibili a questo link:

https://www.arpalombardia.it/Pages/QUALITA%E2%80%99-DELL%E2%80%99ARIA-LOMBARDIA,-CONFERMATO-MIGLIORAMENTO-SU-BASE-PLURIENNALE-.aspx

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Nuove sedute allo stadio Martelli
04 Feb 2021 - 09:32
Oggi terminano i lavori di sostituzione delle sedute delle tribune allo stadio Martelli. Sono state cambiate in totale 2650 sedute...

Ginnastica Ritmica. Doppio argento per Eleonora Torreggiani nella prima prova del Campionato nazionale Uisp
04 Feb 2021 - 09:52
Eleonora Torreggiani ginnasta agonista mantovana tesserata nella Ginnastica Reggiana è medaglia argento nella prima pr...

Basket. Gennaro Di Carlo è il nuovo Coach della Staff fino al termine della stagione 2020/21
29 Jan 2021 - 08:25
Nato a Santa Maria Capua Vetere (CE) il 29/08/1973, già oggi pomeriggio sosterrà il primo allenamento con la squadra...

Social Pro League, fase a tabellone: Mantova batte la Carrarese per 1 a 0 e vola agli ottavi di finale
27 Jan 2021 - 08:11
Il Mantova vince per 1 a 0 contro la Carrarese nella sfida diretta dei sedicesimi di finale e accede agli ottavi della Social Pro ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy