Mercoledì 12 Maggio 2021 - 12:16
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Economia Camera di commercio di Mantova, nel 2020 le esportazioni diminuiscono del 7,6% le importazioni del 14,4%

Camera di commercio di Mantova, nel 2020 le esportazioni diminuiscono del 7,6% le importazioni del 14,4%

Lascia un commento | Tempo di lettura 317 secondi Mantova - 01 Apr 2021 - 06:23

L’anno 2020, secondo i dati Istat, termina con una diminuzione per le esportazioni mantovane, influenzata dagli effetti che l’emergenza Covid-19 ha avuto e sta tuttora avendo a livello internazionale.

L’analisi curata dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio e dal Centro Studi di Confindustria Mantova, con la collaborazione del Consorzio Mantova Export, indica infatti un calo delle esportazioni pari al -7,6%, rispetto allo stesso periodo del 2019, per un ammontare di 6.079,3 MLN di euro. Anche Lombardia e Italia si collocano in territorio negativo con una variazione rispettivamente del -10,6% e del -9,7%. Nel panorama regionale tutte le province mostrano segno meno, con la sola eccezione di Sondrio; Mantova si colloca in quinta posizione, preceduta da Sondrio, Lodi, Monza Brianza e Varese. In fondo alla classifica troviamo invece Pavia, Como, Milano e Cremona.

Nel territorio virgiliano le importazioni ammontano a 4.253,8 MLN di euro con una variazione del -14,4%; il saldo commerciale si conferma positivo, con un valore di quasi 1.825,5 MLN di euro.

Considerando i principali comparti esportatori, valori positivi si registrano solo per prodotti alimentari e bevande (+13%), apparecchi elettrici (+5,7%) e per i prodotti tessili (+18,5%); pur con una incidenza ridotta sul totale delle esportazioni si segnalano variazioni positive a due cifre per i prodotti dell’agricoltura e per gli articoli farmaceutici e chimico-medicinali.

Le performance peggiori riguardano: articoli di abbigliamento (-23,7%), sostanze e prodotti chimici (-16,9%) e mezzi di trasporto (-15,4%). A questi si aggiungono anche gli articoli in pelle (-12,5%), i prodotti in metallo (-8,5%) e i prodotti in legno, carta e stampa (-10,8%). Sempre con segno meno, ma con valori migliori rispetto alla media provinciale, troviamo gli articoli in gomma e materie plastiche (-7,5%), i prodotti delle altre attività manifatturiere (-2,4%) e i macchinari (-1,2%).

Nel caso dell’import mostrano una ripresa i seguenti settori: coke e prodotti petroliferi (+15%), articoli in gomma e materie plastiche (+3,9%), macchinari (+13,7%), prodotti dell’agricoltura (+13,8%), prodotti tessili (+1,2%), apparecchi elettrici (+7,1%) e articoli in pelle (+2,6%). Registrano, al contrario, un calo i prodotti in metallo (-31,8%), le sostanze e i prodotti chimici (-21,1%), i mezzi di trasporto (-25,1%), gli articoli di abbigliamento (-24%), i computer, apparecchi elettronici e ottici (-10%) e i prodotti delle altre attività manifatturiere (-17%). Sempre con segno meno si segnalano anche i prodotti alimentari (-2,6%) e i prodotti in legno, carta e stampa (-1,8%).

 

L’analisi dell’andamento delle esportazioni della provincia di Mantova per paesi di sbocco evidenzia un calo verso i principali partners commerciali europei: Germania (-4,9%), Francia (-8,1%), Spagna (-12,4%), Regno Unito (-12,1%), Polonia (-14,2%), Belgio (-9,6%), Austria (-8,1%), Paesi Bassi (-7%), Svizzera (-8,2%), Ungheria (-7,3%), Repubblica Ceca (-15,7%). Segnali di rallentamento emergono poi per Stati Uniti (-1,2%), Russia (-15,3%), Corea del Sud (-27%), Hong Kong (-30,3%) e Giappone (-34,7%), mentre in ripresa risultano gli scambi verso Turchia (+10,2%) e Cina (+54%). Pur incidendo in misura minore sul totale delle esportazioni, si segnala anche un forte aumento delle esportazioni verso il Canada e la Thailandia.

Le importazioni vedono cali considerevoli da Turchia, Cina, India, Corea del Sud, Indonesia, Vietnam, Stati Uniti e Giappone; contrazioni anche per quanto riguarda Germania (-0,3%), Spagna (-15,8%), Slovenia (-31%), Austria (-1%), Ungheria (-8,4%) e Polonia (-14,9%). Al contrario si evidenzia una ripresa da Francia (+1,9%), Belgio (+9%) e Paesi Bassi (+3,9%), segnalando anche un forte aumento delle importazioni dall’Arabia Saudita, dall’Ucraina, dalla Finlandia e dall’Egitto.

 

Nel complesso, per l’economia mantovana emerge un 2020 in difficoltà sul fronte degli scambi internazionali, con valori negativi anche se in maniera meno marcata rispetto ai dati nazionali e regionali. Per il 2020 si conferma la tendenza emersa nei singoli trimestri che evidenzia una tenuta e, in alcuni casi, addirittura una ripresa del settore industriale, pur con distinzioni di comparto economico, con una più forte sofferenza per i servizi.

Le speranze di ripresa riposte nel 2021 risultano ancora molto incerte a causa della diffusione ancora persistente del Covid-19 sull’intera economia mondiale. A livello nazionale, i primi mesi del nuovo anno si pongono in continuità con la parte finale del 2020, caratterizzati da una alternanza di fasi di maggiori restrizioni con periodi di allentamento delle misure. Le prospettive di ripartenza sono quindi spostate al periodo estivo nella speranza che la campagna vaccinale porti a un miglioramento della situazione sanitaria.

 

Il Presidente di Confindustria Mantova Edgardo Bianchi sottolinea che “nel complesso del 2020 l’export è caduto del 7,6% nel Mantovano (9,7% il dato nazionale) , ma con una progressiva e accidentata risalita dopo il crollo iniziale: tale recupero è stato trainato dalle vendite in Germania, USA e Cina. Secondo gli ordini manifatturieri esteri le prospettive per il 2021 sono abbastanza positive, specie nei beni intermedi e di investimento, grazie al rafforzamento della domanda in mercati esteri chiave (Europa e Nordamerica)”.

 

Alessandro Dotti, direttore del Consorzio Mantova Export, aggiunge che “negli ultimi mesi abbiamo notato un aumento sia nel numero delle imprese intenzionate ad allargare la propria presenza nei mercati esteri che in quelle che si sono affacciate per la prima volta al commercio estero; questo è certamente legato alle difficoltà che le restrizioni dovute alla pandemia hanno causato al mercato interno, ma è anche un segnale forte della determinazione delle imprese a superare questo momento difficile”.

 

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
San Benedetto Po. Una mostra a novantanni dalla prima maglia rosa, ricordando Guerra
07 May 2021 - 09:12
L'edizione numero 104 della corsa rosa è in programma dall'8 al 30 maggio. Il 21 il Giro transiterà anc...

Giro d'Italia, si parte l'8 maggio. Doppio passaggio nel mantovano
07 May 2021 - 09:29
La partenza è in programma da Torino, per celebrare i 160 anni dell'Unità d'Italia, ment...

Enrico Ruggeri diventa fantasista per il Sona
30 Apr 2021 - 08:02
"Sono un fantasista - ha raccontato Ruggeri - e gioco dietro alle punte. Il presidente ha raccolto la richiesta di ...

Tennis tavolo. La finale per lo scudetto si gioca in casa fra le fuoriclasse mantovane
21 Apr 2021 - 08:24
TT femminile serie A1: tutta mantovana la compagine che si affronterà domenica 23 maggio alle ore 18,30 al PalaMazzi di Cas...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy